lunedì, Luglio 15, 2024
- Advertisement -

Cornedo, gli orrori dell’Olocausto nella collezione privata di Giancarlo Feriotti

- Advertisement -

Giancarlo Feriotti è un collezionista cornedese di testi, documenti e oggetti storici che riguardano le due Guerre Mondiali, la Resistenza e, in particolar modo l’Olocausto. Ha avuto il padre e 3 zii deportati. Tutti e 4 si sono in seguito salvati. Da 40 anni Feriotti colleziona e archivia documenti. Ormai sono innumerevoli e li ha raccolti in un “museo” privato, che ci ha fatto vedere.

quadro
Un quadro che rappresenta una scena nei lager della collezione di Giancarlo Feriotti

Appena entrati, si nota subito la mole enorme dei volumi collezionati, circa 15 mila. Si tratta di una vera e propria biblioteca monotematica.

I parenti deportati

All’interno c’è anche un quadretto con la foto del padre e degli zii di Feriotti, ex deportati. “Mio padre fu deportato perchè negò la collaborazione con la Repubblica Sociale Italiana- racconta Feriotti-, anche conosciuta come Repubblica di Salò. Fu un regime collaborazionista della Germania nazista, esistito tra il settembre 1943 e l’aprile 1945, voluto da Adolf Hitler e guidato da Benito Mussolini, al fine di governare parte dei territori italiani controllati militarmente dai tedeschi dopo l’armistizio di Cassibile. In seguito il padre di Giancarlo e i suoi zii riuscirono a tornare a casa. Il padre tornò a Cornedo quasi completamente denutrito. E all’epoca non c’erano integratori. Il consiglio dei medici di allora fu quello di recarsi al macello di Valdagno a bere il sangue degli animali, appena macellati. Fu così che si riprese. In seguito si sposò e mise su famiglia”.

padre e zii
I familiari di Feriotti che subirono l’Olocausto. Foto: m.c.

I viaggi nei lager

Giancarlo ha fatto numerosi viaggi nei campi di concentramento tedeschi, in particolare ad Auschwitz, a Mauthausen e a Birkenau. Nella collezione si possono vedere un granito ritrovato nella cava situata nel campo di Mauthausen, un mattone del forno crematorio di Auschwitz, un pezzo di tegola delle baracche del campo femminile di Birkenau e ancora lettere, telegrammi, foto che attestano gli orrori più atroci della storia dell’Olocausto.

vetrina
Una vetrina con i reperti.

I reperti

Oltre ai libri di storia, Feriotti colleziona anche dvd e banconote che circolavano all’interno del lager. C’è poi una grande carta geografica con indicati tutti i campi di concentramento in Italia. Spesso Giancarlo viene chiamato dalle scuole a raccontare le testimonianze che ha raccolto dai suoi familiari e le ricostruzioni che ha fatto grazie ai suoi reperti, acquisiti da alcuni mercatini. “Per me è stato un dovere, oltre che una passione, raccogliere informazioni e documenti che testimoniassero quanto successo e che ne custodissero una memoria storica”.

cartina
La cartina del lager in Italia

I libri di Feriotti

Giancarlo ha scritto anche dei libri: “Storie dai lager”, in collaborazione con l’autore Enzo Zatta, edito da Mursia, “La picca di via S. Lucia. Tre eroi sconosciuti della Resistenza”, sempre con Enzo Zatta e “Il partigiano Villy”, una ricerca storica in collaborazione con l’autore Fiorenzo Lavagnoli.

libro
La copertina del libro “Storie dai lager” di Enzo Zatta e Giancarlo Feriotti

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Stay Connected

9,253FansMi piace
3,533FollowerSegui
2,652IscrittiIscriviti
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

- Advertisement -