Da Vicenza a Roma a piedi: l’incredibile viaggio di Lucio Zaltron (Parte 2)

0
112

(Clicca qui per leggere la prima parte)

Tappa n°8 da 0 km : da Fanano a Fanano

 

Nulla accade per caso ! Questa è la mia considerazione di oggi per una serie di coincidenze: le vesciche nei piedi, il soggiorno prolungato nel convento di clausura delle suore Clarisse, il primo giorno di pioggia e nebbia. Tre fattori che hanno contribuito a farmi riflettere su me stesso e sul concetto di libertà e giustizia. P.S.: la cosa più bella è la libertà, la più desiderabile è la salute, la più dolce è avere quel che si ama. Per la giustizia è meglio lasciar perdere.

 

Tappa n°9 da 32 km circa: da Fanano a Cutigliano

Sembra impossibile ma i circa 1000 mt. di dislivello sono stati superati senza particolari difficoltà. Sicuramente la fresca giornata, il suono dell’acqua dei torrenti, la lussureggiante vegetazione e i lunghi orizzonti dei panorami incontrati, ci hanno aiutato non poco.
Fantastico in particolare è stato il passo della Croce Arcana dove abbiamo incontrato una troupe del Tg1 impegnata per un servizio sul Cammino (… stasera dovremo essere in onda con tanto di intervista… ).
P.S.: Non so perché ma il Cammino in salita porta sempre felicità. Forse perché più in alto si va più lontano si vede … e la cime sono il confine fra il finito e l’immenso.

Tappa n°10 da 26 km circa (strade sbagliate comprese) da Cutigliano a Pontepetri

Bella tappa con dolci saliscendi ciclopedonali spesso lungo dei torrenti sempre immersi in una natura ben tutelata. Oggi mi sono gustato il piacere dell’odorato grazie al mio “importante” naso e dell’ormai prossimo inizio dell’autunno.
Occasione offerta non solo dalla Romea Strata ma anche dal Cammino di San Bartolomeo più volte intercettato e dalla Lancisa-Mammiano.
P.S.: La libertà profuma di buono se circondata dalla natura e solo il Cammino ti offre continue straordinarie occasioni.

 

 

Tappa n°11 da 24 km circa da Pontepetri a Pistoia

Giornata piovosa assai che ci ha condizionato nell’avvio con la decisione di utilizzare le ruote … ma per fortuna per la lunga discesa verso Pistoia il meteo ci ha concesso una tregua per tante altre indimenticabili nuove Emozioni del Cammino in particolare in quel di Pistoia, città ricca di bellezza e in particolare del suo particolare tesoro che merita ogni attenzione (Santiago docet).
P.S.: La pioggia mi è sempre piaciuta in particolare stando al coperto e sotto le coperte… ma quando mi cade addosso con troppa insistenza non mi garba (come dicono qui in toscana) anche se mi fa sentire più vicino al cielo.

 

Tappa n°12 da 20 km circa da Pistoia a San Baronto

Dopo la bella esperienza di ospitalità presso la Caritas di Pistoia, la giornata è iniziata ancora con la compagnia di Pluvio che ci ha accompagnati convinto fino a San Baronto. Qualche sua distrazione ci ha regalato qualche tregua ogni volta ripresa con un suo deciso tuono… anche la nebbia ci ha fatto il piacere di accoglierci saltuariamente nel suo mantello.
Anche oggi insomma è stata una giornata da ricordare anche per il bel bungalow che abbiamo trovato nel camping “Barco reale” dove ci siamo subito attivati per una asciugatura generale (noi per primi ovviamente).
P.S. : la nebbia che ti avvolge con il suo mantello, la pioggia che ti lava, il tuono che ti avvisa e il vento con il sole che ti asciuga …
Chi sarà mai il titolare di questa straordinaria impresa di pulizia ?
N.B. : Se le papille gustative vuoi soddisfare dalla Morena devi andare ! Al Victoria di San Baronto ovviamente … ristorante sincero.

Tappa n°13 da 30 km circa da San Baronto a San Miniato

Finalmente il sole ! Veloce discesa verso la pianura e poi avanti fino a Vinci per trovare il buon Leonardo nel suo 500° (e questo Cammino mi ricorda anche il 500° del mio concittadino Pigafetta … ) e poi un po’ di gioco all’oca … salta Fucecchio e vai fino a San Miniato ! Finalmente l’innesto della Romea Strata con la Francigena è cosa fatta !!
P.S. : Credi sempre nel tuo Cammino senza voler dimostrare che quello degli altri é sbagliato e vivi come se fosse l’ultimo giorno pensando di essere eterno

Tappa n°14 da 24 km circa da San Miniato a Gambassi terme

Oggi ho imparato finalmente a volare !
Giornata perfetta: sole con qualche nuvola e fresco venticello sempre lungo la dorsale di colline dipinte da un grande artista particolarmente dotato per i panorami mozzafiato. Ogni tanto sono sceso con i piedi per terra a raccogliere fichi e uva donati generosamente … dal signor Cammino così come avvenuto lo scorso anno a Santiago.
Cosa dire poi dell’arrivo nell’ostello Sinergico … atterraggio perfetto in in luogo senza tempo dove le sorelle serenità, armonia e bellezza ti accolgono con un grande abbraccio !
P.S. : Non esiste sapore migliore di quello della frutta matura raccolta dalla pianta così anche per il suo profumo che lo incornicia meravigliosamente come in una preziosa opera d’arte.

Tappa n°15 da 14 km circa da Gambassi terme a San Gimignano

Anche oggi sono proseguite le mie evoluzioni aeree sempre seguendo le dolci dorsali del Chianti dove vige il detto : “non riprendere mai il Cammino se la bocca non sa di vino”.
Detto e fatto ! Senza fatica alcuna sono giunto nella città delle cento torri e atterrato nell’ostello Agostiniano sono stato accolto con un grande abbraccio dagli amici Brezza e Sole con i quali ho poi condiviso un intero pomeriggio di curioso relax.
P.S. : Discese ardite e le risalite… come il sinusoide rappresenta, è nel loro movimento che anche la vita si genera con gioia e piacere.

 

(Prosegue nella terza parte)

- Pubblicità -
Articolo precedente“Il piacere delle api” a Isola Vicentina
Articolo successivoDa Vicenza a Roma a piedi: l’incredibile viaggio di Lucio Zaltron (Parte 3)
Lucio Zaltron
Innamorato di Vicenza, la "mia città", dipendente per 33 anni alla fiera di Vicenza e componente per 20 anni circa della commissione nazionale tecnica di AEFI (associazione nazionale fiere italiane). Ha maturato esperienze sindacali per oltre 30 anni dalla veste di RSA fino al ruolo di Presidente del direttivo provinciale della categoria del commercio CGIL (Filcams) e ha contribuito alla fondazione del Partito Democratico assumendo vari ruoli fino ad essere il segretario del circolo 3 di Vicenza per due mandati. Attualmente si occupa di consulenza aziendale per l'organizzazione e sviluppo delle imprese. Da sempre attivo nel volontariato è socio nell'associazione culturale L'IdeAzione, presidente del consiglio d'istituto del liceo Lioy , delegato provinciale della Fondazione Caponnetto e componente della commissione turistica dell'ACI Vicenza. Nell'ambito sportivo si dedica alle relazioni esterne della società sportiva Rugby Vicenza e, tano per non farsi mancare nulla nel volontariato, è un convinto donatore di sangue.