“Su e zo pal Veneto”, dal trail runner Mattia Berno l’idea che unisce sport e turismo

0
262

“Su e zo pal Veneto”, nasce dal trail runner Mattia Berno, con il supporto del team Dreams Racing e la collaborazione dell’associazione Whitebox, di San Martino di Lupari, in provincia di Padova. Il progetto prevede un giro di 500 km in 8 giorni, dal 25 luglio al 1 agosto, a piedi e in mountain bike, attraverso le più significative province del Veneto, con arrivo a Piazzola sul Brenta. “Con questa iniziativa vogliamo favorire la ripresa del nostro territorio, soprattutto sotto l’aspetto turistico, contribuendo alla riscoperta di luoghi, magari ancora poco conosciuti, del Veneto – commenta in un comunicato il consigliere regionale Luciano Sandonà (Zaia Presidente) che ha presentato oggi, a palazzo Ferro Fini, l’iniziativa – che mette assieme sport e solidarietà per il rilancio della nostra terra e che è peraltro in linea con la grande attenzione che la Regione ha riservato negli ultimi anni al turismo solidale e slow”.

“Lo stesso Presidente Luca Zaia, nella sua pagina Facebook, ha dato risalto all’iniziativa e di questo lo ringrazio – ha aggiunto il consigliere, che ha anche sottolineato come – Mattia Berno è un atleta non nuovo a importanti iniziative di solidarietà: ha portato aiuti alla popolazione di Amatrice, colpita dal terremoto, e ha aiutato con gesti concreti un bambino disabile di Cittadella”.

Il runner Mattia Berno e il presidente del sodalizio padovano, hanno sottolineato come “questa impresa sportiva vuole trasmettere un messaggio di fiducia per la ripresa post Covid e di solidarietà, è il nostro contributo al Veneto: valorizziamo e facciamo conoscere posti meravigliosi, intervistando lungo il percorso grandi e piccoli imprenditori, artigiani, persone che con il loro lavoro contribuiscono alla crescita del territorio”.

- Pubblicità -