Istituto Alberghiero Pietro d’Abano, 1939 -2019: ottanta anni di scienza del “savoir faire”

0
102
Istituto Alberghiero Pietro d'Abano
Istituto Alberghiero Pietro d'Abano

Sono trascorsi otto decenni da quando il 1° agosto 1939, con nota n.12278, il Regio Provveditorato agli Studi della Provincia di Padova, a firma del provveditore Aleardo Sacchetto, comunicò al Comune l’istituzione in Abano, di un «Regio Corso biennale di avviamento professionale commerciale a tipo alberghiero», oggi noto come Istituto Alberghiero Pietro d’Abano.

Poi, il 16 ottobre del 1939, suonò la prima campanella per trentasei iscritti, sotto gli auspici del podestà, Luigi Gaudenzio. Dal 1941 al 1974, la scuola venne ininterrottamente guidata dallo storico preside Ottavio Parisi. Il primo ottobre del 1952 diventò istituto professionale per la formazione del personale.

Le sue due principali radici identitarie sono quella intellettuale, rappresentata dalla figura di Petrus d’Abano, medico e filosofo, esponente di primo piano della medicina aristotelico-galenica medievale, e l’altra l’antica Aponus, conosciuta e sfruttata fin dai tempi dei Romani per le proprietà benefiche delle proprie acque, e oggi prima stazione termale  italiana.

Cura e benessere, un secolare binomio di questo  magico lembo di terra euganea, da sempre maestra foriera di ospitalità e del buon cibo. Una “ricetta” che la scuola alberghiera insegna ai suoi allievi da 80 anni. Le poche decine di allievi degli anni ’50 sono diventati oggi quasi un migliaio, provenienti, ora come allora, da diverse aree della provincia di Padova, Vicenza e Venezia.

Questa scuola professionale ha saputo conquistare la S maiuscola collocando molti suoi allievi in  prestigiose strutture ricettive e ristorative, in Italia e nel mondo. Migliaia di studenti da lustri tramandano l’arte del savoir faire, una quintessenza dell’ospitalità permeata dall’incessante ricerca del gourmet.

L’enogastronomia raffinata e il garbo dell’accoglienza sono da sempre esclusivi connotati didattici che contraddistinguono l’Istituto Alberghiero Pietro d’Abano. L’ottuagenario ”Pietro“, come viene affettuosamente chiamato dagli studenti l’istituto professionale, è diventato uno stabile punto di riferimento per giovani che desiderano trasformare le loro passioni in un futuro professionale. Il “Pietro d’Abano” è oggi come le diverse tipologie di vino pregiato che insegna ai suoi scolari. Invecchiando… migliora.

- Pubblicità -
Articolo precedente“Arte culi ‘n aria”, la ricetta n. 7 di Umberto Riva: gatto, una incredibile storia da “magnagati”
Articolo successivoDiario di clandestinità, il libro di Antonio Barolini: prima assoluta nazionale in Bertoliana
Marco Spiandorello
Marco Spiandorello, 51 anni, padre di cinque figli, vive e risiede a Padova. Ha compiuto inizialmente gli studio professionali turistico alberghieri, completati con un percorso economico – giuridico ed umanistico nelle università di Perugia e Padova. Dopo giovanili esperienze lavorative nel settore alberghiero in Italia e all’estero, in particolare in Svizzera, e il servizio militare assolto ,ha iniziato l’attività imprenditoriale, giovanissimo, rilevando l’azienda di famiglia, una scuola di estetica di Padova. Contemporaneamente ha alternato esperienze lavorative, sempre in iItalia e all’estero, con l’insegnamento nella scuola pubblica e l’attività di cooperazione in Slovacchia e Romania. Nel 1994, dopo la partecipazione al concorso nazionale, viene immesso in ruolo dal Ministero della Pubblica Istruzione in qualità di docente di scuola superiore. L’insegnamento e l’esercizio della libera professione, oltre all’attività di impresa gli permettono di lavorare in diversi settori (formazione professionale ,industria turistica, pubblica amministrazione, PMI, Università, agroalimentare, sicurezza pubblica, lavoro, termalismo, agro ambiente, comunicazione pubblica, sociale ed immigrazione) in quasi tutte le regioni italiane, e in diversi paesi europei ed extraue (Spagna, Romania, Moldavia, Albania, Bielorussia, Ucraina e Senegal). Solo negli anni 2000 si approccia a tematiche completamente diverse dall’origine del suo itinerario personale, organizzando azioni, e progettando studi, dedicati a due ambiti cruciali della vita del nostro Paese: l’Immigrazione e la Sicurezza pubblica insieme allo Sviluppo economico del territorio. Le sue esperienze professionali hanno registrato numerose attività, occasionali, in qualità di organizzatore di eventi, missioni istituzionali e di cooperazione, oltre a diverse attività redazionali e giornalistiche a mezzo stampa e radiotelevisive. Ha maturato numerose esperienze politiche “dietro le quinte” collaborando con alcuni partiti ed amministratori locali e nazionali, dal 1987 al 2012. Dal 2011 al 2015 è stato amministratore della piu’ grande struttura formativa nazionale, accreditata nel settore del benessere (estetiste e parrucchiere), con più di 1000 allievi dislocati in quattro province del Veneto. Quest’ultima esperienza gli ha permesso di erogare attività di servizio pubblico per la Pubblica amministrazione (Regione Veneto formazione ) con la conseguente acquisizione di conoscenze e competenze nei sistemi di processo della progettazione. gestione, controllo e rendicontazione delle risorse pubbliche. Dal 2016 è rientrato a tempo pieno ad insegnare marketing e laboratorio enogastromico presso l’Istituto Alberghiero di Abano Terme.