Incendio doloso a Santa Croce Bigolina, i cittadini: sicurezza non solo per i negozianti del centro

0
97

In questo periodo in cui l’Amministrazione Rucco decide di affrontare la questione senzatetto e microcriminalità militarizzando il centro storico, tant’è che è proprio di stamattina la notizia di un intervento di una decina tra poliziotti e militari a circondare una ragazza rannicchiata per terra in Campo Marzio che urlava disperata per non si sa quale motivo, ci arrivano le testimonianze dei cittadini della frazione di Santa Croce Bigolina, in Riviera Berica, che denunciano furti ed incendi dolosi.
Siamo andati ad incontrare questa mattina i condomini dei palazzi di Via Salvemini 38, dove il 25 Marzo scorso vi è stato un incendio doloso di due furgoni, uno quasi completamente carbonizzato mentre l’altro fortunatamente messo in salvo dal proprietario. Proprio quest’ultimo ci racconta di come da due mesi una piccola comunità Rom stazionasse nel parcheggio dei condomini di Via Salvemini, utilizzando lo spazio fra le autovetture come bagno pubblico. Benché fossero state chiamate più volte le forze dell’ordine, i nomadi non si erano mossi.

Una sera, rientrato dal lavoro, il proprietario dei furgoni incendiati aveva rimproverato alcuni Rom chiedendo loro di non fare più i loro bisogni tra le macchine. Durante la notte, l’incendio, ritenuto doloso dai Vigili del Fuoco.
I condomini si dicono impauriti anche solo di avvisare le forze dell’ordine. Solo due mesi fa, ci spiegano, vi era stato un tentativo di furto in uno dei palazzi circostanti.
Raffaele Colombara, consigliere comunale di opposizione della lista “Quartieri al Centro”, anch’egli presente questa mattina, ci dice: “Esistono dei decreti comunali che prevedono il divieto di sosta in un luogo per più di 24 ore, perchè non vengono fatti rispettare?” “L’Amministrazione”, continua Colombara, “ha speso quasi un milione di euro per il progetto Campo Marzio, ma ai quartieri chi ci pensa? C’è manutenzione da fare e c’è da intensificare i controlli. L’Amministrazione non sta mantenendo le promesse fatte”.

- Pubblicità -