Il Villaggio SOS di Vicenza apre le porte alla formazione degli insegnanti vicentini

0
208

Il Villaggio SOS di Vicenza organizza nel quadro della formazione rivolta ai propri educatori e agli insegnanti delle scuole della città e provincia, due percorsi “Only the BESt” e “L’esercito del Selfie” focalizzati sui disturbi dell’apprendimento dai 4 ai 12 anni e sul metodo di studio per gli adolescenti.

“Sono appuntamenti che, oltre a dare strumenti concreti sulle specifiche tematiche, hanno l’obiettivo di aprire il Villaggio al mondo della scuola – commenta la Direttrice del Villaggio SOS di Vicenza dott.ssa Marta Trecco – cosicché si rafforzi quella collaborazione e quel patto educativo che da diversi anni stiamo costruendo in particolare con le realtà scolastiche che vivono l’accoglienza dei nostri ragazzi.

A volte ci troviamo a dover gestire assieme alle scuole inserimenti ad anno scolastico già inoltrato oppure a colmare in breve tempo vuoti o difficoltà dettati da percorsi precedenti all’arrivo al Villaggio e a chiedere comprensione e supporto agli istituti.
Con queste iniziative invece, possiamo e vogliamo essere noi utili e aperti ad un mondo che sostiene il nostro agire.

Per questo, farci promotori di azioni concrete a beneficio degli insegnanti e dei nostri educatori significa anche intessere relazioni e accrescere la fiducia reciproca, base necessaria a qualsiasi intervento efficace a favore dei ragazzi.”

La Segreteria Pedagogica del Villaggio ha da poco riorganizzato attorno ad un unico punto di riferimento i rapporti con le scuole, così da facilitare il dialogo reciproco, la referente dott.ssa Chiara Faccio, commenta questi percorsi: “Saranno a disposizione dei 40 docenti già iscritti al primo corso, le professionalità del Centro Studi Archimede e per il secondo, dedicato alla fascia degli adolescenti nel mese di marzo, quelle dell’Associazione Proposte Educative di Cornedo. Dai disturbi BES alla gestione del metodo di studio, l’obiettivo è proporre una formazione completa dai quattro ai diciotto anni e sensibilizzare le realtà che ci circondano alla specificità quotidiana del Villaggio.”

“Un ringraziamento particolare – conclude la dott.ssa Trecco – va al Provveditore prof. Carlo Alberto Formaggio per la disponibilità e la grande collaborazione, agli insegnanti che hanno scelto di partecipare numerosi e al nostro ufficio progetti che lavora per proporre percorsi formativi di qualità”

- Pubblicità -