I nomi di Vicenza, ponte delle Barche: perché si chiama così?

0
234

Contrà Barche è un’antica zona artigianale sul fiume Retrone di Vicenza. Oggi è diventato un luogo di aggregazione giovanile grazie al Teatro Astra, ad alcuni locali, all’Università. Vi si trova anche un bellissimo ponte che costituisce un punto di ritrovo romantico per molte giovani coppie.

Nel XVI secolo in questa zona c’era anche la confluenza dei due fiumi Retrone e Bacchiglione, poi spostata a sud della città in zona Riviera Berica. Lì vicino si trovava anche il porto fluviale e di conseguenze tutte le attività commerciali e artigianali ivi connesse.

Il nome ponte delle Barche deriva appunto dal fatto che lì vicino si fermavano i barconi per il carico e scarico delle merci. L’impianto del ponte è romanico e si vede ancora bene dai tre archi. Nel quartiere Barche si trovava anche l’ospedale di San Valentino, un ospizio per i barcaioli arrivati di notte. La zona è descritta anche da Goffredo Parise nel suo romanzo d’esordio “Il ragazzo morto e le comete”.

- Pubblicità -