Cedro del Libano morto a San Pio X: comitato VicenzaEst più verde chiede incontro con Rucco e Ierardi

0
77
cedro del Libano Lidl
cedro del Libano Lidl

Lucio Zaltron del Comitato Vicenza Est Più Verde chiede un incontro con il sindaco di Vicenza Rucco e con l’assessore con delega al verde pubblico Ierardi per poter verificare le eventuali responsabilità nella morte del cedro del Libano di fronte al supermercato Lidl nel quartiere San Pio X e chiedere un’iniziativa per ricordarlo. “Tempo di Pasqua, tempo per ricordare che i sacrifici non devono essere stati inutili, tempo di speranza, tempo di impegno con solo per significati religiosi ma anche per stimolo di uno sviluppo civile- afferma Zaltron in una nota -. Anche dimenticare sottovalutando l’eliminazione di un albero centeneario è quindi un grave errore non solo per il suo significato simbolico. Noi ci crediamo ed è per questo che insistiamo formalmente con la nostra Ammininistrazione comunale al fine di una loro conseguente azione fattiva. Il “Grande Vecchio”, alias centenario Cedro del Libano di San Pio X, non deve sprofondare nell’oblio delle nostre memorie ma deve diventare un simbolo così come lo è “il ramoscello di ulivo”.

cedro del Libano
cedro del Libano
- Pubblicità -
Articolo precedenteIl Peronio a Vicenza: l’antico centro commerciale cittadino tra Piazza Piade, delle Erbe e dei Signori
Articolo successivoDalla Serbia a Vicenza con…dolcezza: la storia del miele biologico Happy Mamma
Direttore editoriale
Ho il piacere e l'onore di dirigere queste testate Dopo un'iniziale esperienza come ricercatore volontario universitario (1976-77)e il servizio militare in Marina Militare come ufficiale di complemento (1976-78) ho maturato varie esperienze di vertice, nazionali e internazionali, nel settore delle telecomunicazioni e dell'informatica (1978-1993), ho ricoperto cariche in Confindustria Roma e Apindustria Vicenza, quindi mi sono occupato di marketing e gestione sportiva (volley) anche da vice presidente della Lega di Pallavolo Femminile di serie A, per poi dal concentrarmi dal 2008 sulle edizioni giornalistiche (VicenzaPiù, VicenzaPiu.com e VicenzaPiu.tv). Ho fondato nel 2019 anche Laltravicenza.it, Parlaveneto.it e Bankileaks.com e dirigo da luglio 2020 la nuova testata nazionale DeepNews.it