Stagione teatrale “Scintille” a Camisano Vicentino

0
30

Prende vita un nuovo progetto culturale nel vicentino, grazie alla collaborazione tra il Comune di Camisano, la compagnia teatrale StivalaccioTeatro e il circuito regionale Arteven: la rassegna del Teatro Lux di Camisano, presenta quattro appuntamenti di teatro serale, spettacoli per le famiglie la domenica pomeriggio e attività per le scuole.

L’obiettivo di offrire al territorio una progettualità che incontri il gusto del pubblico e la volontà di fare cultura, è sintetizzato nelle parole del Sindaco di Camisano Renzo Marangon, che dichiara in una nota: «Dal primo momento in cui mi è stata proposta questa rassegna teatrale il mio pensiero è stato quello che potesse accrescere il prestigio del nostro Comune. Come amministrazione abbiamo fatto una scelta impegnativa, ma che punta sull’alta qualità artistica, con nomi di un certo calibro sulla scena culturale italiana. Il risultato è un programma rivolto a varie fasce di pubblico, che abbraccia tematiche e contenuti di genere diverso, per sorprendere ma anche far riflettere, per ridere ma allo stesso tempo mettersi in discussione. Una particolare attenzione è stata data alle nuove generazioni perché sono convinto che bisogna “educare al teatro” fin da piccoli e non lasciarli in balìa di una visione solo virtuale della realtà; ritengo fondamentale ristabilire il contatto umano, fatto di emozioni, espressioni, interpretazioni che la tecnologia, per quanto sviluppata, non può dare. A tal proposito lo scrittore Victor Hugo diceva che il teatro non è il paese della realtà, ma il paese del vero perché ci sono cuori umani dietro le quinte, cuori umani nella sala e cuori umani sul palco. Mi auguro che questa rassegna venga vissuta come un’opportunità e che per questo motivo possa incontrare il più vasto consenso del pubblico di Camisano Vicentino, ma non solo.»

Il sipario si apre venerdì 31 gennaio con l’attore Alessandro Fullin che proporrà, insieme a Tiziana Catalano, Sergio Cavallaro, Simone Faraon, Ivan Fornaro, Mario Contenti e Paolo Mazzini; PICCOLE GONNE un “infeltrimento teatrale” di Little Women, celebre testo di Louisa M. Alcott. L’apprensiva Mrs March deve sistemare le sue quattro figlie con matrimoni all’altezza delle sue aspettative, e di fatti con tanta tenacia riuscirà a confezionare bomboniere per tutte. Lo spettacolo, nella più schietta tradizione elisabettiana, sarà interpretato da soli attori uomini. Con un’unica eccezione. E sarà proprio il pubblico che dovrà scoprire chi è l’intrusa su un palco già dominato da tanta femminilità.

Sabato 29 febbraio arriverà al Lux una delle più apprezzate attrici della scena nazionale: Giuliana Musso, che con il suo TANTI SALUTI porta in scena il tema del morire ai nostri tempi e lo consegna a tre clown: sono loro che interpreteranno il racconto delle nostre paure, degli smarrimenti e delle soluzioni paradossali messe in atto di fronte alla morte. Unici oggetti di scena sono tre nasi rossi e una buffa cassa da morto. Precede la messa in scena una ricerca sociologica che ha indagato le testimonianze intorno a questo tabù moderno, il cui risultato si compone di sei brevi monologhi che mettono al centro l’esperienza diretta della morte e la sua autentica forza poetica.

La stagione prosegue con lo spettacolo ROMEO E GIULIETTA L’AMORE È SALTIMBANCO, un vero e proprio “cult” della compagnia vicentina StivalaccioTeatro, in scena mercoledì 25 marzo, sempre alle ore 21. Girolamo Salimbeni e Giulio Pasquati, sopravvissuti all’inquisizione, ripiegano sul poco onorifico mestiere dei saltimbanco…ma finalmente giunge, inaspettata, l’occasione per riscattarsi. Recitare per Enrico III, futuro Re di Francia, nientemeno che la più grande e tragica storia d’amore di tutti i tempi: Romeo e Giulietta. Ed ecco comparire nel campiello Veronica Franco, “honorata cortigiana” della Repubblica, disposta a cimentarsi nell’improbabile parte dell’illibata giovinetta. Si assiste dunque ad “prova aperta”, dove la celeberrima storia del Bardo prende forma e si deforma nel mescolarsi di trame, di dialetti, canti, improvvisazioni, suoni, duelli e pantomime.

Si chiude in grande spolvero, con l’arrivo di Natalino Balasso mercoledì 29 aprile in scena con il divertentissimo e attualissimo monologo VELODIMAYA. L’amatissimo attore polesano parte dalla considerazione che ultimamente le società occidentali sono tornate a disparità preottocentesche. Il mito della ricchezza, l’ambizione al matrimonio da parte di molte donne, l’idea del privilegio come effetto della gestione del bene pubblico: sono effetti molto presenti, ma che sembrano allontanarsi dalle società evolute. Stiamo tornando all’inizio, stiamo passando dal via. Come possiamo raccontarci tutto questo senza cedere allo sconforto? Solo il teatro può farlo, attraverso la commedia, attraverso l’arte della risata.

Il progetto pensato da StivalaccioTeatro però non si esaurisce con le proposte serali, come da tradizione della compagnia, è data particolare importanza al lavoro sulle nuove generazioni: saranno due gli appuntamenti domenica dedicati alle famiglie: domenica 26 gennaio la compagnia toscana Nata Teatro allestirà LA CIAMBELLA ADDORMENTATA NEL FORNO, una versione particolarmente “dolce” della nota fiaba. Domenica 23 febbraio sarà la volta di StivalaccioTeatro con il classico LA BELLA E LA BESTIA, per la regia di Marco Zoppello.

Due gli appuntamenti per le scuole: Io sono Zero, dal libro di Luigi Ballerini, per le scuole medie e Raperonzolo per le scuole elementari.

BIGLIETTI E ABBONAMENTI

Biglietti intero € 15 – ridotto* € 13

Natalino Balasso – Velodimaya intero € 18 – ridotto* € 16

* riduzioni valide under30 e over65

Abbonamento Unico 45€

Rassegna Domenicale Piccoli Spettatori Crescono biglietto unico € 5

- Pubblicità -