La giovane misquilese Irene De Toni tra i vincitori della selezione per partecipare al corso per creare rassegne culturali

0
237

C’è anche una giovane misquilese tra i 12 vincitori selezionati a partecipare al Corso gratuito di alta formazione per curatori in ambito culturale under30 inserito nel progetto “Comunità Cultura Patrimonio per il contrasto alla povertà culturale” sostenuto da Fondazione sostenuto di cui sono partner anche i Comuni di Bassano del Grappa, Colceresa, Mussolente, Nove, Rosà.

Si tratta di Irene De Toni, giovane di Mussolente, appassionata di discipline artistiche e già tra i fondatori della Scuola di Musica di Mussolente, BMM.

Assieme a lei, altri 11 giovani, selezionati tra molti candidati che hanno risposto all’open call e a cui è seguita sia la verifica delle candidature che i colloqui.

Il corso mira a fornire ai partecipanti strumenti teorici e pratici per ideare, progettare, gestire e realizzare processi culturali e produzioni nell’ambito delle arti contemporanee e ad approfondire la conoscenza del panorama contemporaneo, favorire l’innovazione, audience engagement e sviluppo di possibilità di networking.

I partecipanti potranno, alla fine del percorso di formazione, creare programmi/rassegne e collocate nei territori dei partner del progetto.

I ragazzi saranno coinvolti, da martedì 26 maggio, in un workshop intensivo online di quattro giornate, dedicato ai temi della direzione artistica, della progettazione, amministrazione, organizzazione e comunicazione di un progetto/processo artistico sotto la guida di esperti in ambito di cinema e video, arti performative e arti visive.

Il percorso ha una durata complessiva di 200 ore (comprensive della fase di progettazione e implementazione dei Project work) a frequenza obbligatoria.

Commenta l’amministrazione comunale di Mussolente: “Complimenti ad Irene De Toni che – grazie a questo progetto – avrà la possibilità di approfondire le conoscenze in ambito culturale e acquisire gli strumenti necessari per creare rassegne da sviluppare, perché no, magari proprio a Mussolente dove già è attiva con la Scuola di Musica BMM”.

Aggiunge Irene De Toni: “Dicono che “in Italia con la cultura non si mangia” ed è una provocazione appropriata: stimolare interesse per la cultura somiglia all’atto di riuscire a stuzzicare l’appetito. Questa splendida opportunità di formazione mi darà nuovi ingredienti per imparare ad ‘imbandire la tavola’ e, chissà, a dar vita a nuove iniziative nel territorio. Devo dire molti grazie, dalla mia famiglia agli amici, e all’Amministrazione Comunale che da sempre si è dimostrata sensibile alla cultura e alla bellezza.

Clicca qui se apprezzi e vuoi supportare il network VicenzaPiù: #iorestoaacasa tanto viene #vicenzapiuacasamia

Clicca qui per la situazione ora per ora sul Coronavirus e qui per tutte le nostre notizie sull’argomento, ndr)

- Pubblicità -