Le associazioni venete al fianco di Europa Donna Italia il 13 ottobre per la prima “Giornata Nazionale del Tumore al Seno Metastatico”

0
43

Il Movimento per i diritti alla prevenzione e cura del tumore al seno, attivo da anni per ottenere l’istituzione di una Giornata Nazionale dedicata al Tumore al Seno Metastatico, il 13 ottobre darà vita nei fatti alla prima giornata nazionale dedicata al TSM grazie alla sua rete di associazioni sul territorio. 61 gli eventi in Italia – di cui 3 in Veneto – nati su iniziativa delle realtà locali, per celebrare la Giornata. Qualche giorno prima, (il 10 ottobre) Europa Donna Italia organizzerà un incontro alla Camera dei deputati, dove si presenterà alle istituzioni politiche il proprio Manifesto a sostegno delle donne con tumore al seno metastatico.

Il Veneto, insieme a molte altre regioni d’Italia, sceglie di partecipare a quella che sarà, almeno nei fatti, la prima Giornata Nazionale dedicata al Tumore al Seno Metastatico. Europa Donna Italia, il Movimento per i diritti alla prevenzione e cura del tumore al seno, ha infatti dato vita a una straordinaria manifestazione cui prenderanno parte decine e decine di associazioni locali iscritte per sensibilizzare sulle specifiche esigenze delle donne con TSM. In questo fitto calendario di 61 eventi distribuiti in tutta Italia, tre appuntamenti si svolgeranno proprio in Veneto:

 Associazione “Volontà di vivere” – Padova, Via Matteotti 27 – 11/10/2019, ore 17:00 “Quando ritorna. Gli aspetti psicologici del tumore al seno metastatico”: incontro aperto al pubblico condotto dalla psiconcologa e psicoterapeuta Anna Luisa Mariggiò.  Associazione “Altre parole” – Rosà (VI), PalaRosà – 12/10/2019, ore 20:00 “Ti racconto sulla mia pelle”: spettacolo di body painting: attraverso i colori, i corpi dipinti raccontano le storie delle protagoniste. In collaborazione con l’ASD Volley Rosà.  Associazione “aBRCAdaBRA” – Saonara (PD) – 13/10/2019 Evento di sensibilizzazione seguito da cena sociale presso “Antica trattoria Al bosco”.

Locandina e dettagli nella sezione regionale dedicata.

In contemporanea, Europa Donna Italia il 10 ottobre a Roma chiede alle Istituzioni attraverso i rappresentanti parlamentari di accogliere l’istituzione del 13 ottobre a Giornata Nazionale più le 6 principali richieste che la accompagnano: 1. un percorso di cura e assistenza specifico in tutti i Centri di senologia (Breast Unit) 2. una corsia preferenziale per controlli ed esami, tempi di attesa ridotti e rapida consegna degli esiti 3. la disponibilità di tutti i diversi specialisti necessari 4. Il supporto costante e qualificato dello psiconcologo per la paziente e per il caregiver 5. informazione sulle sperimentazioni e accesso agevolato ai trials clinici disponibili 6. il rapido accertamento dell’invalidità civile e/o inabilità. “È probabilmente la prima volta nella storia italiana che assistiamo a un’azione di advocacy di questa portata, un esempio di coinvolgimento e lavoro in rete eccezionali – spiega Rosanna D’Antona, presidente di Europa Donna Italia – L’esigenza di parlare di questa malattia è tanto sentita che decine di realtà hanno alzato la voce per rendere finalmente visibili le oltre 37mila pazienti che, spesso in solitudine e tra mille difficoltà, vivono questa condizione cronica. Il 30 % dei tumori al seno diventa metastatico, una percentuale significativa che merita l’attenzione dell’opinione pubblica e provvedimenti concreti delle Istituzioni. Per questo EDI chiede da anni l’istituzione della Giornata per il TSM nel nostro Paese. Ora il senso di urgenza è tale da superare le formalità istituzionali: il 13 ottobre di quest’anno sarà, almeno de facto, la prima vera e propria giornata nazionale dedicata al tumore al seno metastatico”.

Il progetto è stato realizzato con il supporto non condizionato di Pfizer